Il mio primo reading!

Siore e siori,

non ho mai letto qui nei commenti nessun ahò, ammazza quanto so’ belle le tue poesie, e forse ne deduco che non passano molti romani romaneschi deqquà, ma se per caso mi dovessi sbagliare vi scrivo per invitare chi è di Roma, è migrato a Roma, o si trova nella Capitale solo di passaggio a questo reading di poesia che sarà, tra l’altro, il mio primo! reading di poesia.

Non ci sarò solo io – naturalmente – ma anche altri autori di Ensemble, che si alterneranno in una sorta di staffetta poetica.

Lascio qui le parole del caporedattore Ignazio Pappalardo che descrivono meglio il tipo di evento:

La “silloge di sillogi” che si viene a creare in vivo risulta molto interessante,
l’alternanza tra stili differenti è spesso stimolante,
e il tentativo di sviluppare un discorso poetico unico ha, delle volte, esiti sorprendenti,
sia dal punto di vista poetico sia dal punto di vista umano

 

Ammazza ahò, mi verrebbe proprio da dire.

 

Ora, luogo e altri dettagli dell’evento (ci sarà anche la presentazione del poeta Andrea Viviani) li trovate nella locandina.

 

Sciao bbelli e se vedemo da Ensemble, se ve va de passà!

27 luglio 2018

C’è un nocciolo antico,
immutato e protetto,
sottratto alla mano
del tempo
e al progresso,
un comune sentire
riscosso
nelle notti adombrate
d’eclissi.

E quando la Luna
si schiera all’opposto
del giorno,
e nell’ombra terrestre
che brilla
si finge di rosso,
noi minimi
siamo l’evento,
elementi conformi
di un unico e saldo organismo
che osserva dal basso
– pulsante –
il suo cielo, al cospetto,
commosso.

Sul mio tetto,
però,
questa notte,
c’è un cielo di usuale
mistero,
e sono io
l’elemento furtivo
a staccarsi coi piedi
da Terra,
la bambina rapita
che fugge di casa,
con la bici a mezz’aria
va in cerca,
e poi incontro

– raggiante –

alla Luna.

 

 

 

 


Credits

Immagine in evidenza: Stella Maria Baer

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑